LE PIRETRINE NATURALI

Le piretrine sono insetticidi naturali prodotti da alcune specie di crisantemi. Per produrre questa sostanza si etrae il principio attivo mediante solventi chimici. 

Gli estratti ottenuti da questi procedimenti ci portano ad avere una sostanza con circa il 30% di principi attivi, queste sostanze sono conosciute con il nome di piretrine naturali.

Le piretrine naturali paralizzano gli insetti con il loro effetto neurotossico ma vengono smaltite dall'organismo dell'infestante molto velocemente, per questo motivo vengono aggiunte delle sostanze atossiche ma capaci di rallentare la metabolizzazione delle piretrine come sesamina e piperonilbutossido

 


 

I PIRETROIDI FOTOLABILI

Le piretrine naturali sono state sostituite dai piretroidi cioè sostanze derivate dalle piretrine ma di origine chimica.

Sostituite non perchè non svolgessero il loro compito correttamente, ma solamente perchè la crescente richiesta di mercato e la produzione limitata portò a dei grandi aumenti di prezzo.

I principali piretroidi fotolabili sono Alletrina, Tetrametrina e Resmetrina.






I PIRETROIDI FOTOSTABILI

L'ultima generazione di piretroidi porta a dei prodotti fotostabili e cioè che non si degradano con la luce ne con il calore, si degradano in 2-4 settimane grazie all'azione di microrganismi presenti in natura.

Sono atossici per gli animali a sangue caldo, mentre sono tossici per quelli a sangue freddo.

I principali piretroidi fotostabili sono Deltametrina, Permetrina e Cipermetrina






I NEONICOTINOIDI

L'imidacloprid è un insetticidasistemico, è un composto bis-eterociclico alogenato strutturalmente simile alla nicotina da cui differisce per geometria, dimensione e la presenza di un gruppo nitrilimminico. Può assumere diverse forme cristalline variando le sue proprietà cromatiche e il Ph. Da recenti stime è considerato uno dei più diffusi insetticidi di nuova generazione, ciò è giustificato dall'ampissimo spettro di azione sugli insetti. La molecola è un inibitore irreversibile del recettore nicotinico dell'acetilcolina degli insetti.